Sulle tracce di Vincent Van Gogh

statua van gogh
Statua di Van Gogh a Nuenen

Esistono viaggi che iniziamo mesi, forse addirittura anni prima di partire. A volte non siamo neanche minimamente consapevoli che inizieranno sul serio. Eppure il cosmo, complice la sostanza dei sogni, si mette subito all’opera affinchè il tutto che abbiamo letto sui libri, ammirato in fotografia, diventi realtà!

Non di tulipani o mulini stavolta, nè tanto meno di coffee shop si è dipinto, è il caso di dirlo, il mio viaggio in solitaria appena trascorso.

 

Vedo disegni e dipinti nei luoghi più poveri, negli angoli più sporchi

35416439_2075649502758002_5618587358048813056_n

E proprio il desiderio di scoprire quegli angoli nascosti di cui parlava Vincent in una delle sue innumerevoli lettere scritte al fratello Theo, mi ha spinto a partire. Due giorni, neanche pieni, 3 ore di aereo, 4 di treno e 2 abbondanti di bus. Chilometri a piedi, naso perennemente all’insù, voglia di respirare il più possibile l’atmosfera del viaggio che mi mancava da tempo e centinaia di fotografie scattate nel tentativo di catturarne per sempre il ricordo.

 

 

Eppure…Leggi l’ebook QUI

 

Pubblicato da Francesco

''Viaggiare per non smettere mai di conoscersi''

2 pensieri riguardo “Sulle tracce di Vincent Van Gogh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: